Il Social Farming in Sicilia

indietro

Formazione e coesione sociale, sostenibilita' ambientale e innovazione per sostenere il comparto agrumicolo siciliano. E' questa l'anima del progetto -Social Farming, agricoltura sociale per la filiera agrumicola Sicilia-, presentato a Palermo e promosso dal Distretto Agrumi di Sicilia, dell' Alta Scuola ARCES con il contributo di The Coca-Cola Foundation.

Il progetto prevede una serie di seminari e workshop in diverse localita' della Sicilia. Si articolera' percorsi formativi di agricoltura sociale per la filiera agrumicola siciliana rivolti a giovani, donne, soggetti svantaggiati e immigrati al fine di creare professionalita' specializzate nella gestione di imprese agricole multifunzionali (anche con riguardo all'accoglienza turistica e al turismo rurale), nella trasformazione dei prodotti agrumicoli a livello industriale o artigianale, nella manutenzione degli agrumeti sino alla creazione di cooperative che possano avviare queste attivita' in proprio o offrire servizi alla filiera. Il progetto -Social Farming-, 240 ore di formazione destinata a circa 200 soggetti, per due edizioni di ogni percorso formativo, offrira' anche una piattaforma informatica per l'incontro tra domanda e offerta di lavoro che permettera' agli imprenditori del settore di avvalersi delle professionalita' formate. L'iscrizione ai corsi, gratuita, permettera' di apprendere in modo completo la gestione di un nuovo modello di business sostenibile e innovativo nel comparto agrumicolo siciliano, che ancora oggi rappresenta il 51% della produzione italiana del settore.

Il progetto Social Farming e un' iniziativa di agricoltura sociale e nasce dall' idea di unire le esigenze di personale specializzato del comparto agrumicolo a quelle della coesione sociale, ha spiegato Federica Argentati, Presidente del Distretto Agrumi di Sicilia. Un iniziativa che rientra a pieno titolo nelle finalita' istituzionali del Distretto e che punta a rafforzare e consolidare il comparto creando impresa e manodopera specializzata coinvolgendo fasce sociali deboli, ma molto dinamiche: donne, giovani e soggetti svantaggiati, compresi i migranti. Soggetti che solo con una adeguata formazione possono avere opportunita': trovare occupazione, diventare piccoli imprenditori nei servizi connessi e nella filiera ed essere un elemento di stimolo alla crescita di un intero comparto. Questa nuova opportunita' di offrire una formazione altamente qualificata nel settore dell' agroalimentare si intreccia e si aggiunge in modo del tutto naturale ai percorsi gia' attivi. Un ambito di sviluppo senza dubbio da coltivare. 

ADUC Funzione Sociale:
Sede Nazionale Viale Teracati n. 39 - 96100 Siracusa • C.F. 93027670897 email: info@aducfunzionesociale.it



Regione Siciliana - ADUC Funzione Sociale
Visualizza il riconoscimento regionale